Chi è il grafico?

Il grafico crea, usa o reinventa le forme tipografiche che si possono trovare negli oggetti quotidiani, oppure nei prodotti tipografici in genere. Disegna i messaggi testuali creati per scopi informativi o espressivi. Stabilisce la relazione tra tipo-grafia, intesa come disciplina, e immagine: definisce il potere comunicativo di ciascuna in relazione all’altra.

La comunicazione aziendale
Il grafico progetta i sistemi dei simboli, dei marchi e dell’identità aziendale. Definisce le potenzialità comunicative degli oggetti destinati al pubblico e usa questa identità in ogni comunicazione.

  • Marchi e immagine coordinata
  • Carte istituzionali
  • News aziendali
  • Cataloghi
  • Rapporti annuali
  • Display.

Il manifesto
Il grafico crea l’affissione, che può essere un annuncio pubblico in forma scritta/grafica per la promozione e la vendita di prodotti e servizi oppure il poster per spettacoli, mostre
d’arte o eventi culturali. Nei casi più riusciti la somma di parole e immagini può dare un risultato diverso e superiore dei due soli elementi accostati.

  • Manifesti
  • Poster
  • Affissioni statiche
  • Affissioni dinamiche su mezzi di trasporto.

La campagna pubblicitaria
Il grafico partecipa alla costruzione del messaggio pubblicitario, cioè studia come ottenere l’attenzione rendendo unico e diverso il prodotto, al fine di ottenerne la vendita o la riconoscibilità attraverso tutti i mezzi che ne accompagnano la presenza sul mercato.

  • Annunci pubblicitari
  • Materiale promozionale, volantini, folder
  • Spot
  • Gadget
  • Display.

I segnali ambientali
Il grafico aiuta il pubblico a trovare il percorso e le informazioni che cerca. Disegna il layout di mostre e luoghi commerciali: studia come coinvolgere il pubblico nel riconoscimento di un’idea nello spazio e nel tempo attraverso l’uso di grafica, oggetti, testi, effetti sonori.

  • Allestimento di ambienti, stazioni, aeroporti
  • Allestimento di ambienti espositivi, mostre, fiere
  • Segnaletica stradale
  • Decorazioni su mezzi di trasporto
  • Insegne.

Il packaging
Il grafico progetta i contenitori e gli imballaggi dei prodotti per assolvere a funzioni multiple: proteggere, distribuire, annunciare l’identità e la qualità del prodotto, impedirne il furto e venderlo.

  • Grafica di contenitori, lattine, scatole
  • Etichette di contenitori, bottiglie, vestiti
  • Imballaggi
  • Espositori
  • Shopper
  • Dispenser.

L’editoria
Il grafico studia la struttura, il piazzamento, la sequenza e la gerarchia delle informazioni sulla pagina, e indica il modo migliore per l’uso del testo e delle immagini nella produzione editoriale. Il design del libro riguarda sia l’aspetto esterno, la copertina, che la disposizione del materiale all’interno.

  • Copertine
  • Impaginazione di libri, giornali, riviste.

La grafica in movimento
Il grafico comprende in termini produttivi l’interazione tra linguaggio, grafica, suono e musica nella dimensione temporale. Usa i software per scrivere sceneggiature, illustrare, editare l’immagine, realizzare animazione e video, oltre che per i layout e la grafica.

  • Grafica televisiva
  • Titoli di testa e coda dei video
  • Videogiochi
  • Animazioni
  • Multimediali.

La produzione digitale
Il grafico interpreta l’informazione e la trasforma in un oggetto digitale. Decodifica e interpreta visivamente il mondo digitale per un’interazione di alta qualità facilitando il ritrovamento delle informazioni e la loro riconoscibilità: per esempio, stabilisce come sono più visibili e rintracciabili i link su una pagina web.

  • Pagine web
  • E-book
  • App.

L’informazione
Il grafico organizza la comunicazione dei dati, aiuta e orienta il lettore nella ricerca delle informazioni e costruisce una chiara gerarchia visiva della pagina di testo. Produce diagrammi, grafici e mappe come sistema di visualizzazione dei dati. Distilla informazioni scritte per renderne più facile la lettura, e dunque la comprensione, per tre categorie di oggetti.

  • Oggetti per informare: tabelle, grafici, mappe
  • Oggetti per istruire: manuali d’istruzione, cartelli
  • Oggetti per comunicare: interfacce reali e virtuali.